Check-list di gruppi selezionati dell’entomofauna dell’area “Arcipelago Mentanese-Cornicolano” (Lazio)

Main Article Content

Pierangelo Crucitti *
Davide Brocchieri
Francesco Bubbico
Paolo Castelluccio
Federica Emiliani
Gianfranco Francioni
Luca Tringali
(*) Autore principale:
Pierangelo Crucitti | davidebrocchieri@hotmail.com

Abstract

Nel lavoro vengono presentate check-list di specie di Insecta − Odonata, Mantodea, Orthopteroidea, Coleoptera, Lepidoptera - monitorate in un’area della Campagna Romana a nord-est di Roma, nota come “arcipelago Mentanese-Cornicolano”, caratterizzata da habitat altamente frammentati con parcelle di bosco mesotermofilo, agrosistemi, aree urbane e suburbane, attraversate da una rete di infrastrutture lineari. L’andamento morfologico tipico è quello di rilievi collinari e vallecole poco incise con terreni vulcanici argillificati e substrati carbonatici con vistose manifestazioni carsiche. Il territorio include integralmente le riserve naturali regionali gestite dalla Provincia di Roma, “Nomentum” e “Macchia di Gattaceca e Macchia del Barco”. Nonostante le misure di protezione, assai poco era noto sinora sull’entomofauna dell’area. osservazioni saltuarie protratte per oltre un decennio seguite da raccolte intensive concentrate tra il 2009 ed il 2013 con applicazione di metodiche di cattura dirette e indirette (retini entomologici, aspiratori, trappole a caduta, aeree e luminose) unitamente all’analisi dei dati bibliografici, hanno consentito di rilevare la presenza di 422 specie. L’analisi biogeografica è stata limitata a odonata e Coleoptera Carabidae ben rappresentati sul totale delle specie osservate nella città di Roma circoscritta dal Grande Raccordo anulare. Specie di particolare interesse conservazionistico sono analiticamente discusse. Per quanto la check-list debba considerarsi necessariamente incompleta e non sia stata condotta una adeguata analisi quantitativa, queste raccolte suggeriscono l’esistenza di un popolamento entomatico fortemente impoverito. In particolare, “Nomentum” versa in uno stato di conservazione complessivamente mediocre, “Macchia di Gattaceca e Macchia del Barco” versa in uno stato di conservazione discreto (Macchia di Gattaceca) o buono (Macchia del Barco). La presenza di alcune tessere ambientali di rilevante interesse zoocenotico suggerisce il potenziamento delle misure di protezione, ancora largamente insufficienti.

I downloads mese per mese

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details