https://sei.pagepress.org/index.php/bollettino/issue/feed Bollettino della Società Entomologica Italiana 2019-11-20T18:16:14+01:00 Emanuela Fusinato emanuela.fusinato@pagepress.org Open Journal Systems <p>Il "<strong>Bollettino della Società Entomologica Italiana</strong>”, edito a partire dal 1869, pubblica attualmente tre fascicoli annuali, in cui vengono inseriti articoli originali, monografie brevi, recensioni e notiziari.<br><br></p> https://sei.pagepress.org/index.php/bollettino/article/view/BollettinoSEI.2019.93 Atti Sociali 2019-11-20T18:16:13+01:00 Società Entomologica Italiana info@societaentomologicaitaliana.it <p>-</p> 2019-08-28T13:48:44+02:00 ##submission.copyrightStatement## https://sei.pagepress.org/index.php/bollettino/article/view/BollettinoSEI.2019.65 Checklist di alcuni gruppi selezionati dell’entomofauna del Parco Naturale Archeologico dell’Inviolata (Guidonia Montecelio, Roma) 2019-11-20T18:16:14+01:00 Pierangelo Crucitti info@srsn.it Davide Brocchieri davidebrocchieri@hotmail.com Francesco Bubbico info@srsn.it Paolo Castelluccio info@srsn.it Francesco Cervoni info@srsn.it Edoardo Di Russo info@srsn.it Federica Emiliani info@srsn.it Marco Giardini info@srsn.it Edoardo Pulvirenti info@srsn.it <p>Sono riportati i risultati di una indagine conoscitiva sistematica effettuata negli anni 2016-2019 su alcuni gruppi di Insecta appartenenti a odonata, orthopteroidaea, Dermaptera, Coleoptera, lepidoptera, Isoptera e Mecoptera monitorati nel Parco Naturale archeologico dell’Inviolata (Roma, Lazio). Sono descritti i principali caratteri geomorfologici, climatologici e vegetazionali dell’area studiata. I campionamenti sono stati effettuati con metodologie diversificate; raccolta manuale, trappole a caduta, sorgenti luminose, ispezione di feci, animali morti e vegetazione acquatica. È stata accertata la presenza di 533 <em>taxa</em> appartenenti a 101 famiglie. l’ordine maggiormente rappresentato è quello dei Coleoptera (359 <em>taxa)</em> cui appartiene la famiglia più rappresentata, quella dei Carabidae (77 <em>taxa);</em> seguono i lepidoptera con 107 <em>taxa.</em> Nel complesso, le specie endemiche italiane e/o rare sono numerose. <em>Eriogaster catax</em> ed <em>Euplagia quadripunctaria</em> sono protette dalla Direttiva habitat (92/43/CEE). Si segnalano in particolare il rinvenimento di <em>Labia minor</em> (Dermaptera), osservata per la prima volta nella Campagna Romana, e di <em>Anthaxia lucens</em> (Buprestidae), per la quale il Parco dell’Inviolata è l’unica stazione nota nel lazio. l’analisi biogeografica, basata sui corotipi delle specie di odonata e Coleoptera Carabidae, ha evidenziato la predominanza di elementi ad ampia distribuzione, seguiti da quelli europei e mediterranei. Sono quindi state effettuate comparazioni con l’entomofauna di aree della Campagna Romana a nord-est di Roma. È stata sottolineata l’importanza ecologica dei piccoli bacini lacustri a regime idrologico variabile presenti nell’area protetta.</p> 2019-08-28T13:44:19+02:00 ##submission.copyrightStatement## https://sei.pagepress.org/index.php/bollettino/article/view/BollettinoSEI.2019.51 Sardostygia (gen. n.) cogonii sp. n., nuovo genere e nuova specie di Coleotteri ipogei di Sardegna (Coleoptera leiodidae Cholevinae: leptodirini) 2019-11-20T18:16:14+01:00 Achille Casale a_casale@libero.it <p><em>Sardostygia</em> (gen. n.) <em>cogonii</em> sp. n., nuovo genere e nuova specie di Coleotteri ipogei di Sardegna (Coleoptera, leiodidae, Cholevinae: leptodirini). l’autore descrive una nuova specie di Coleoptera leptodirini, reperita in una grotta della Sardegna occidentale, altamente modificata e specializzata all’ambiente sotterraneo e appartenente ad un genere inedito: <em>Sardostygia</em> (gen. nov.) <em>cogonii</em> sp. n. Il nuovo taxon è particolarmente distinto da tutte le specie ipogee sarde della linea filetica di <em>Ovobathysciola</em> per numerosi caratteri, quali il tegumento dorsale glabro, il capo privo di carena occipitale, i tarsi anteriori nei maschi non dilatati e l’endofallo privo di strutture sclerificate. le affinità del nuovo taxon, che in base a un’analisi molecolare risulta affine al genere <em>Ovobathysciola,</em> sono ampiamente discusse.</p> 2019-08-28T13:28:51+02:00 ##submission.copyrightStatement##